QUESITI TECNICI/LEGALI

Tutti i quesiti precedenti, di carattere tecnico/legale, si trovano nel sito, nell'AREA RISERVATA AI SOCI, nella sezione "Leggi - Regolamenti - Quesiti", in quanto il servizio di consulenza, fornito dal nostro pool di esperti del settore, è riservato agli Associati.

 

 

QUESITO

 

La sostituzione dei tubi fluorescenti nelle plafoniere con tubi LED può essere considerata manutenzione straordinaria? Quali obblighi comporta?

 

***************************

 

RISPOSTA DEL NOSTRO CONSULENTE TECNICO, L'ING. FAUSTO MARTIN:


La sostituzione di una sorgente (lampada fluorescente) con una non prevista dal costruttore dell'apparecchio (tubo a LED) si può fare a patto di considerare la plafoniera come se fosse un nuovo apparecchio, con conseguente redazione di un Fascicolo Tecnico e tutte le prove previste dalla 60598-2-1 e dalla 60598-1 - incluso il rischio fotobiologico - e secondo le Direttive Bassa Tensione e Compatibilità Elettromagnetica. Verificata la rispondenza alle norme di prodotto chi effettua la sostituzione deve emettere una nuova etichetta – a proprio nome - con relativa marcatura CE, come se lo avesse costruito ex novo.  

 

Dal punto di vista dell'impianto in cui è posto l’apparecchio – supposto che la plafoniera sia installata in un ambiente di lavoro – va considerata la diversa distribuzione della luce ed il flusso luminoso emesso – che potrebbe alterare i requisiti inziali di illuminamento del locale, compreso l'indice di abbagliamento UGR.

 

Se un lavoratore si infortuna l'ispettorato del lavoro può sanzionare il datore per non aver garantito un illuminamento adeguato al compito visivo (sentenza della Cassazione, vedi sotto) oppure per abbagliamento da riflesso.  

 

Illuminazione dei Luoghi di lavoro: Cassazione Penale, Sez. 3, n. 37559 del 13 Settembre 2013. Rischia l’ammenda il datore che non predispone un’illuminazione adeguata sul luogo di lavoro e ne risponde anche a titolo di colpa (quindi non necessariamente di dolo); ciò significa che egli è responsabile anche in assenza di una consapevole volontà di commettere l’illecito. Il medesimo datore di lavoro può essere condannato sulla base del solo verbale degli ispettori; quindi, prima di predisporre l’adeguamento – o la mera sostituzione - dei corpi illuminanti va sempre verificato che il livello di illuminamento sia adeguato ai requisiti di Norma.  

 

Va ricordato che per manutenzione ordinaria si intende la sostituzione delle parti che prevedibilmente si usurano, nel caso specifico della sola lampada fluorescente, con altre aventi analoghe caratteristiche (elettriche, termiche ed ottiche). Ad esempio una lampada fluorescente 18 W T8 del produttore A con una 18 W T8 del produttore B.  

 

La sostituzione di altre componenti, come il reattore, sono considerate manutenzione straordinaria, va fatta da personale qualificato.  

 

Le variazioni dei collegamenti interni e del cablaggio costituiscono una alterazione dell'apparecchio così come concepito dal fabbricante originale, da cui ne discende che chi le esegue diventa, a sua volta, il nuovo produttore dell'apparecchio che eseguirà le prove e la nuova etichettatura a proprio nome.

 

****

 

Per saperne di più sull'Associazione, sui servizi e sulle modalità di adesione, clicca qui